Indietro

Offese su Facebook alla polizia municipale

Un pratese di 65 anni ha usato un falso profilo sul social network per offendere i vigili dopo una multa. In azione anche la polizia postale

FIRENZE — Per il momento se l'è cavata con due denunce per diffamazione e per oltraggio ma rischia anche la reclusione l'uomo di 65 anni a cui la polizia municipale è risalita attraverso un'indagine che ha coinvolto anche la polizia postale. 

Tutto è iniziato con le offese rivolte alla polizia municipale e spuntate su un profilo fake lo scorso febbraio. Destinatari degli insulti erano i "vigili urbani di Firenze". Attraverso la lettura dei post e dei commenti lasciati dagli amici sul social network gli agenti hanno capito che all'origine delle offese c'era una multa elevata in una strada del centro di Firenze. Il nome del profilo, però, non era riconducibile a nessuno. 

Da qui gli approfondimenti, svolti anche grazie all'aiuto della polizia postale, attraverso i quali gli agenti sono risaliti all'uomo, pratese, che alla prima convocazione non si è presentato al comando di Porta al Prato. Alla seconda, invece, è arrivato e ha confermato di essere lui l'utente dietro al profilo fake che riportava il suo stesso cognome ma un nome diverso. L'uomo ha quindi confermato di essere stato multato nella zona indicata nel post e ha fornito marca, modello e targa dell’auto che corrispondono a quella multata. Poi ha ammesso di aver scritto lui stesso il post.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it