Indietro

Scarti tessili, è lotta allo smaltimento illegale

Vertice tra i Comuni della Piana, le prefetture di Firenze, Prato e Pistoia dedicato all'abbandono e al traffico irregolare di rifiuti

FIRENZE — Effettuare più controlli congiunti, verificare le procedure di smaltimento nelle aziende, uniformare i regolamenti comunali sui rifiuti urbani. 

Questi alcuni degli strumenti per contrastare lo smaltimento illegale degli scarti tessili, individuati dal Comitato Interprovinciale di Sicurezza che si è riunito oggi in Prefettura a Firenze. 

L’obiettivo era quello di fare il punto su un fenomeno che da alcuni mesi sta interessando una vasta area territoriale che si estende su più province. 

In ambito metropolitano fiorentino il problema è avvertito nella periferia ovest della città (Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, Signa e Calenzano). Nel pistoiese, il fenomeno investe, oltre al capoluogo, Quarrata, Agliana e Montale. In provincia di Prato sono interessati anche i comuni di Carmignano, Poggio a Caiano e Vaiano. 

Dall’inizio dell’anno, infatti, è stato registrato un maggior abbandono di scarti tessili, fenomeno che è stato messo in relazione ai nuovi regolamenti comunali sulla gestione dei rifiuti, che hanno classificato gli scarti delle aziende tessili come rifiuti speciali, obbligando le imprese produttrici a smaltirli attraverso ditte autorizzate e qualificate, sostenendone i costi. 

Ciò ha determinato che una gran quantità di residui tessili sono stati abbandonati illecitamente sia in aree private che pubbliche, così come nei cassonetti. Da qui la necessità di un esame congiunto, a livello interprovinciale, per delineare la portata del fenomeno e per condividere le strategie più giuste di prevenzione e contrasto.   

Dal tavolo sono emerse proposte: innanzitutto la necessità di un maggior coordinamento tra tutti i Comuni interessati, che finora si sono mossi in autonomia per fronteggiare le prime avvisaglie del problema. 

Tavoli di raccordo consentiranno di scambiarsi le informazioni e di indirizzare meglio le attività di controllo, individuando i punti nevralgici dove effettuare i servizi. Le forze dell’ordine e le polizie municipali stanno già intervenendo di concerto nelle diverse province e la loro azione sarà ulteriormente intensificata, di giorno e di notte, anche avvalendosi dei sistemi di videosorveglianza posizionati nelle aree industriali. Le telecamere permetteranno di tracciare il passaggio di veicoli sospetti e di individuarne le targhe.   

Si è pensato anche di avviare una serie di verifiche nelle aziende tessili su come vengono eliminati gli scarti delle loro lavorazioni, sulle procedure seguite, sulle ditte incaricate dello smaltimento, sulla tenuta dei registri di carico e scarico.

Molto utile sarà anche uniformare le regole sui sistemi di raccolta dei rifiuti adottati dai comuni, attualmente molto frammentate sul territorio, e questo agevolerà anche l’azione delle forze di polizia.

Sul fronte delle indagini emergono notizie rassicuranti: al momento non ci sono segnali che facciano pensare alla presenza di organizzazioni criminali strutturate dietro l’abbandono illecito. I soggetti finora intercettati sono stati sanzionati e i loro mezzi sequestrati.

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it